Cartone pizza e raccolta differenziata: dove si butta?

Dai rifiuti che produciamo ogni giorno possono nascere nuovi oggetti, nonché utensili pronti per essere rimessi in commercio e servire di nuovo la comunità. Ciò è possibile tramite una raccolta differenziata consapevole e, soprattutto, corretta. Perché diciamo questo? Spesso non è ben chiaro a quale reparto appartenga un determinato rifiuto e quindi vi è il rischio che rifiuti come, per esempio, il cartone del latte, vengano inseriti nei bidoni della carta. Per evitare errori come questo, oggi parliamo di uno dei più grandi protagonisti del cibo d’asporto all’italiana: la pizza e il suo cartone.

In barba alla globalizzazione e allo stile di vita internazionale, in Italia il cibo d’asporto più consumato rimane la pizza. Che sia tonda, tirata, napoletana, chiusa o in tranci, la pizza entra periodicamente nelle nostre case e ciò che si lascia alle spalle non è altro che un involucro di cartone vuoto.

Dopo una cena con amici o una semplice serata sul divano con pizza e film, ciò che resta ad ingombrare una buona porzione della nostra cucina è l’ampia confezione di cartone vuota. A questo punto, che fare? Come gestire il cartone della pizza nella raccolta differenziata? La questione viene risolta abbastanza rapidamente: si prende il cartone, lo si appiattisce o lo si piega, e poi lo si incastra all’interno del bidone della carta, mentre gli avanzi della pizza, qualora ce ne fossero, andranno gettati nel bidone dell’umido. Nel caso che nel Comune non sia prevista la raccolta porta a porta, andrai a gettare i cartoni della pizza direttamente nei bidoni della carta in strada. Sembra una procedura corretta, giusto? Purtroppo, non lo è perché l’involucro di cartone con il quale arriva la pizza a casa non va buttato nei bidoni della carta, o per lo meno, non in tutte le sue parti.

La maggior parte delle persone considera il cartone della pizza un rifiuto destinato alla raccolta della carta perché, appunto, formato da materiale cartonato. Infatti, il problema non è originato dal materiale di cui è composto, bensì dai residui di cibo che l’hanno macchiato e sporcato. Se il cartone fosse intonso, non ci sarebbe nessun ostacolo al suo riciclo, tuttavia è più che normale che il fondo del box presenti macchie di olio e residui di condimento, come pomodoro e mozzarella. Ecco che questo particolare impedisce la collocazione del cartone della pizza nella sezione della carta, in quanto oltre a non essere riciclabile, potrebbe andare a rovinare un’intera partita di carta destinata alla riqualificazione.

Cartone pizza e raccolta differenziata: dove si butta?

Come riciclare il cartone della pizza?


Visti i problemi sopra elencati, qual è il modo migliore per riciclare questo tipo di rifiuto? L’ideale sarebbe separare le parti pulite da quelle sporche in maniera accurata, magari con l’aiuto di un paio di forbici. In questo modo il cartone pulito, che spesso ritroviamo nel coperchio e nei bordi laterali del contenitore, potrà essere gettato nel bidone della carta e riciclato di conseguenza. La parte sporca e impregnata di condimento dove va gettata invece? La scelta consigliata ricade sul bidone dell’organico, ma per esserne veramente certi è fondamentale controllare quali rifiuti sono ammessi in questa sezione nel proprio Comune di appartenenza. Se il rifiuto non fosse conforme al regolamento comunale, il cartone sporco dovrà essere gettato nei bidoni per la raccolta differenziata del secco o nei cassonetti pubblici della raccolta indifferenziata.

Speriamo che questo articolo ti sia stato d’aiuto per capire come riciclare efficacemente rifiuti particolari come il cartone della pizza d’asporto. Se hai necessità di ricevere più informazioni sulla raccolta differenziata e sui nostri prodotti specifici, contattaci! Saremo ben felici di aiutarti e rispondere a tutte le tue domande!